NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 

145ª brigata Garibaldi Franco Casoli, Ventasso (Reggio nell'Emilia), febbraio - giugno 1945 - Ente

 

Tipologia

Ente

 

Forma autorizzata del nome

145ª brigata Garibaldi Franco Casoli, Ventasso (Reggio nell'Emilia), febbraio - giugno 1945  Linked Open Data: san.cat.sogP.95825

 

Altre denominazioni

145ª brigata Garibaldi Franco Casoli

 

Data di esistenza

1945 feb 24 - 1945 giu

 

Sede

Ventasso (Reggio nell'Emilia)

 

Natura giuridica

privato

 

Descrizione

La 145ª brigata Garibaldi fu costituita il 24 febbraio 1945 a seguito del distacco di tre battaglioni provenienti dalla 26ª brigata Garibaldi, divenuta eccessivamente numerosa e di conseguenza poco funzionale ai metodi e agli scopi della guerriglia in montagna. La nuova formazione, intitolata al partigiano Franco Casoli, caduto in combattimento il 25 aprile 1944, fu dislocata nel territorio compreso tra i comuni di Ligonchio, Villa Minozzo e Collagna, alle pendici del monte Cavalbianco, e investita in particolare del compito di presidiare e difendere la centrale idroelettrica di Ligonchio. Al comando della brigata fu nominato Brenno Orlandini (alias Ramis), con Michele Gurla (alias Bari) vicecomandante, Avvenire Paterlini (alias Nerio) commissario politico, Zurè Manzotti (alias Buglian) vicecommissario. La sede del comando fu fissata nella frazione di Montecagno del comune di Ligonchio. La 145ª brigata fu, insieme alla 26ª brigata, protagonista degli scontri che le formazioni partigiane attestate lungo il corso del fiume Secchia ingaggiarono tra il 10 e il 14 aprile 1945 contro le forze armate tedesche intenzionate a distruggere la centrale idroelettrica di Ligonchio. Durante i giorni dello scontro il comando della brigata fu trasferito dalla frazione di Montecagno nel capoluogo comunale. Nel contesto di un più organico inquadramento delle formazioni partigiane poste sotto la guida del Comando unico zona di Reggio Emilia, alla vigilia della liberazione la 145ª brigata fu...

 

Sistema aderente

SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche.

 

URL Scheda provenienza