NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 

Naldini Del Riccio, Prato e Firenze, sec. XIV - 1939 - Famiglia

 

Tipologia

Famiglia

 

Forma autorizzata del nome

Naldini Del Riccio, Prato e Firenze, sec. XIV - 1939  Linked Open Data: san.cat.sogP.5321

 

Altre denominazioni

Naldini

      Naldini Del Riccio

 

Data di esistenza

sec. XV - 1939

 

Descrizione

I Naldini già Rinaldeschi furono una delle famiglie più antiche di Prato. Cacciati da quella città nel 1343, si trasferirono a Firenze, ove ottennero più volte le prime cariche cittadine. Domenico di Naldino Rinaldeschi, il figlio Francesco, il nipote Pier Giovanni "Giovanni" e il pronipote Domenico esercitarono la mercatura a Firenze e nei maggiori centri del nord Europa. Domenico di Naldino prese dimora in via della Rosa, nel popolo di San Pier Maggiore e fu eletto priore nell'anno 1400. Francesco di Domenico fu mercante a Tolosa e, nel 1519 sposò Caterina di Antonio delli Erri. Domenico di Giovanni e di Lena Bracci, che nel 1508 aveva sposato Ginevra di Lattanzio Tedaldi, nel 1527 iniziò ad acquisire le case dei Tedaldi in via dei Servi, nelle aree adiacenti all'abside del Duomo fiorentino. Tali edifici furono poi unificati nel palazzo Naldini edificato con l'intervento dell'architetto Pierfrancesco Silvani nel Seicento. Il figlio Giovanni sposò in prime nozze Agna di Bernardino Vasquez, successivamente Anna Valcassar vicina alla casa dei Toledo. I figli di Giovanni furono Bernardino, nel 1575 marito di Maria di Dionigi Antinori, Ottaviano che istituì la secondogenitura prima della sua morte nel 1595, Domenico e Ferrante, cavaliere stefaniano e capitano con don Pedro de' Medici. I figli di Bernardino, Francesco e Giovanni, proseguirono le attività imprenditoriali. Francesco sposò in prime nozze Laura Carducci, e in seconde nozze Elisabetta di Vincenzo Pitti, fu socio d...

 

Sistema aderente

SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche.

 

URL Scheda provenienza