NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 

Monte frumentario di offida, Offida (Ascoli Piceno), 1532 - 1887 - Ente

 

Tipologia

Ente

 

Forma autorizzata del nome

Monte frumentario di offida, Offida (Ascoli Piceno), 1532 - 1887  Linked Open Data: san.cat.sogP.59335

 

Altre denominazioni

Monte frumentario di Offida

 

Data di esistenza

1532 - 1887

 

Sede

Offida (Ascoli Piceno)

 

Natura giuridica

pubblico

Tipo ente

ente di assistenza e beneficenza

 

Descrizione

Il citadino Rocco Abate istituiva nell'anno 1532 a vantaggio dei poveri di Offida il Sacro Monte frumentario. La sua amministrazione fu affidata ai rappresentanti comunali con l'osservanza di apposito regolamento, riformato nel 1600 e nel 1605 dal Cardinale Girolamo Berneri, vescovo diocesano, e nel 1617 e 1627 da monsignor Sigismondo Donati, parimenti vescovo della Diocesi, e da alcuni deputati eletti dal Consiglio comunale. Due montisti, eletti dal Consiglio pubblico, prestavano il grano ai bisognosi. In seguito al Regolamento di monsignor Donati, furono estratti a sorte tra i cittadini più onesti. Si tornò, nuovamente, a sceglierli per elezione nel mese di novembre di ogni anno. La retribuzione annua era di venti fiorini, che subì variazioni nel corso del tempo. Il grano, ricevuto a misura rasa, veniva restituito a misura colma. Si trattava di un prestito ad usura (bolla del pontefice Paolo V del 1617), per cui si stabilì che i mutuatari dovessero restituire la stessa quantità di grano ricevuto e che i due montisti esigessero da essi quattro quattrini per ogni quarta di grano mutuata, e dovessero lasciare nel magazzino del Monte l'aumento naturale per destinarlo ad usi pii. Nel secolo XVII il Monte frumentario era florido e possedeva un cospicuo patrimonio di oltre 575 rubbia di grano, pari ad ettolitri 1613,45. Da allora iniziò la decadenza. Eretto a sollievo dei poveri, spesso il suo grano andò a beneficio del Comune o dei Montisti. Veniva constatata dai vescovi nel...

 

Sistema aderente

SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche.

 

URL Scheda provenienza