NOTIZIE IN EVIDENZA

 

VEDI ANCHE...

 

Congregazione di carità di Offida, Offida (Ascoli Piceno), 1861 - 1937 - Ente

 

Tipologia

Ente

 

Forma autorizzata del nome

Congregazione di carità di Offida, Offida (Ascoli Piceno), 1861 - 1937  Linked Open Data: san.cat.sogP.59326

 

Altre denominazioni

Congregazione di carità di Offida

 

Data di esistenza

1861 - 1937

 

Sede

Offida (Ascoli Piceno)

 

Natura giuridica

pubblico

Tipo ente

ente di assistenza e beneficenza

 

Descrizione

In forza del decreto n. 142 del 24/10/1860 del Regio commissario generale straordinario Lorenzo Valerio, furono affidate, nel 1861, alla gestione della Congregazione di carità di Offida diverse opere pie già esistenti nel territorio. L'Ospedale della Santissima Trinità, istituito da una Confraternita detta dei Battuti e Disciplinati intorno al sec. XIII, per i malati poveri della città. L'Ospedale di S. Antonio Abate, fondato nel 1450 circa con porzione dei beni di Giovan Pietro Vagnarello per gli infermi del territorio. Il Monte frumentario, istituito nel 1532 per opera del cittadino Rocco Abate al fine di prestare grano agli agricoltori bisognosi. Il Monte di pietà sorse nel sec. XVI con i sopravanzi del Monte frumentario, amministrato anch'esso dai rappresentanti comunali. Inizialmente prestava denaro su pegno, senza richiedere interesse, portato poi al 2%. L'Opera pia Broglia, creata nel 1641 da Artemio Broglia per sussidi ai carcerati, più tardi convertita per somministrazione di pagliericci da letto a famiglie povere. L'Opera pia Cauti, fondata da Aristide Mariani per dispensa di pane ai poveri nel primo giorno di ciascun anno. L'Opera pia Mancini che, fin dal 1695, provvedeva alla dotazione di fanciulle povere ed oneste per volontà di Francesco Mancini. Fu inizialmente amministrata dalla Parrocchia di S. Pietro e San Nicolò. L'Opera pia Fazi, istituita per elemosine, fin dal 1784. L'Opera pia Maria Carlini Sieber eretta nel 1821 a beneficio delle scuo...

 

Sistema aderente

SIUSA. Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche.

 

URL Scheda provenienza